Tu sei in:  Home Cultura e territorio Portigliola
Italian - ItalyFrench (Fr)Deutsch (DE-CH-AT)GreekEnglish (United Kingdom)
Dettaglio info


Portigliola Dettaglio  
X

Vista:
Periodo storico: 0000
Tipologia: Testo
Parole chiavi: portigliola, locride, reggio calabria

"L'aiuola del porto di Locri" così veniva chiamata anticamente, perchè alle prime fioriture diventa un tripudio di colori e di profumi: Portigliola, piccolo centro collinare della Locride, sorto in epoca medioevale .


Piccolo centro collinare della Locride, Portigliola si trova ad un’altitudine di circa 100 m. sul livello del mare. Un tempo denominata Palimpoli, Paleopoli, poi Portaiola, prese infine il nome dell’omonimo torrente, che si ritiene fosse il Butrotus. Sorta, forse, nel X secolo, se non prima, quando parte della popolazione costiera, per evitare le incursioni saracene, si stabilì nell’entroterra, Portigliola è molto vicina a Locri, tanto che parte dell’area archeologica dell’antica città magno-greca ricade sul suo territorio. Possesso delle famiglie d’Aragona (1473-1502), de Cordova (1502-1558), de Marinis (1558-1574) e Grimaldi (quest’ultima la tenne fino alla eversione della feudalità), quasi distrutta dal terremoto del 1783 e poi riedificata nello stesso luogo, Portigliola fu riconosciuta autonoma nell’ordinamento amministrativo disposto nel 1799 dal Generale Championnet, che l’incluse nel cantone di Roccella. Nel 1807 i francesi ne fecero un Luogo, ossia un’Università nel cosiddetto Governo di Gerace; riconosciuta, infine, Comune nel 1811, fu confermata nella giurisdizione di Gerace e lo stesso Murat le assegnò il proprio territorio: quest’ultimo, di forma rettangolare ed esposto tutto a mezzogiorno, confinava con l’omonimo torrente e con i comuni di Antonimina e dell’odierna Locri. Numerose e di grande interesse le testimonianze archeologiche presenti nel territorio: necropoli protostoriche, i resti del teatro greco-romano di Locri Epizefiri e del Tempio di casa Marafioti, la cosiddetta “Teca di Pirettina”, contenente l’importante archivio del santuario di Zeus Olimpio, la Torre di Gerace o Torre dei Corvi, la Torre dell’Abbadessa, la roccaforte di Castellace, menzionata da Tito Livio quando narra l’attacco di Annibale nei confronti di Locri, il “palatium” di Contrada Quote S. Francesco. L’incantevole posizione, l’amenità della campagna circostante e, soprattutto, la ricchezza delle antiche vestigia, fanno di questo piccolo centro, che vanta fiorenti attività legate all’agricoltura e alla pastorizia, una tappa irrinunciabile in qualsiasi itinerario della Locride



Categoria: Storia e tradizioni   ->  Storia dei luoghi
Situata a: SP196  89040   Portigliola(RC)    Mappa

Info correlate - Comune di Bianco - Bianco Vecchio e la sua storia - Spiaggia di Capo Bruzzano - Memorial Scacchistico Paolo Musolino - Corribianco - Monastero di San Giovanni Theresti - Convento dei SS. Apostoli - Storia di Gerace - Il centro storico - Chiesa dell’Annunziatella - Il Santuario di Demetra - Complesso archeologico subacqueo - Il tempio della Passoliera - Tempio dorico di Caulonia - Pazzano - L’Eremo di Monte Stella - Teatro Greco-Romano - Area archeologica di Quote S. Francesco - Torre di Castellace - Torre dei Corvi - Stilo centro storico - La Cattolica - Castello Normanno - Chiesa di San Francesco - Chiesa di San Giovanni Nuovo - La Ferdinandea - Fonderia Ferdinandea - Palio di Ribusa - Chiesa dell'Addolorata - Chiesa della SS. Annunziata - Riace storia - Roccella Jonica storia - Marina di Gioiosa Jonica storia - Tempio di casa Marafioti - Il Greco di Bianco - Teatro greco-romano - Teca di Pirettina


Torna indietro