Tu sei in:  Home Cultura e territorio Chiesa di San Giovanni Nuovo
Italian - ItalyFrench (Fr)Deutsch (DE-CH-AT)GreekEnglish (United Kingdom)
Dettaglio info


Chiesa di San Giovanni Nuovo Dettaglio  
X

Vista:
Periodo storico: 0000
Tipologia: Testo
Parole chiavi: Chiesa di San Giovanni Nuovo, Stilo, reggio calabria, locride

Il Monastero e la Chiesa di San Giovanni Nuovo sorsero a Stilo agli inizi del ‘600; oggi in uno dei locali del complesso è ospitato il “Museo di Archeologia industriale e della cultura materiale”.


Il Monastero e la Chiesa di San Giovanni furono fatti erigere agli inizi del ‘600 dai Frati Minori; ai francescani seguirono poi diversi altri ordini, che apportarono modifiche sostanziali a tutto il complesso monastico. Nel 1662 fu la volta dei basiliani, dal momento che la loro permanenza nel monastero di Bivongi dedicato a S. Giovanni Theresti (cioè il mietitore, poiché, secondo la tradizione, avrebbe miracolosamente mietuto un campo di grano in pochi istanti) era divenuta impossibile a causa di una banda di briganti; essi si trasferirono dunque a Stilo e dedicarono il luogo a San Giovanni, di cui portarono le reliquie prima custodite nel monastero di Bivongi. Pregevole e di bella fattura la facciata barocca, compresa tra due campanili. Trinavato e decorato interamente a stucchi, l’interno presenta nella navata sinistra un bell’altare marmoreo finemente intarsiato ove, oltre a un busto bronzeo raffigurante il santo taumaturgo stilese, sono custodite sue reliquie (insieme a quelle dei santi monaci Nicola e Ambrogio). Il Convento annesso alla chiesa, detto dei Liguorini, possiede un magnifico portale marmoreo riccamente lavorato, coronato da un bel balcone in ferro battuto (1759). In mezzo al cortile del Chiostro è un pozzo in granito sormontato da un baldacchino e da una rudimentale navicella in metallo che reca scolpito, sulla pietra, un bambino orante (a indicare il viaggio del santo che dalla Sicilia riuscì a tornare finalmente a Stilo, suo luogo natale). In uno dei locali del complesso è ospitato il “Museo di Archeologia industriale e della cultura materiale” nato allo scopo di far conoscere, tramite i supporti multimediali e audiovisivi di cui è dotato, le realtà culturali e ambientali del territorio “dell’Ecomuseo delle ferriere e fonderie di Calabria” cui fa capo. Il museo può essere visitato in qualsiasi periodo dell’anno previa richiesta al Comune di Stilo o all’ACAI (Associazione Calabrese Archeologia Industria). Attualmente il convento è sede dl Municipio.



Categoria: Architettura  ->  Stili architettonici
Situata a: Piazza San Giovanni Theresti  89049   Stilo(RC)    Mappa

Info correlate - Comune di Bianco - Bianco Vecchio e la sua storia - Spiaggia di Capo Bruzzano - Memorial Scacchistico Paolo Musolino - Corribianco - Monastero di San Giovanni Theresti - Convento dei SS. Apostoli - Storia di Gerace - Il centro storico - Chiesa dell’Annunziatella - Il Santuario di Demetra - Complesso archeologico subacqueo - Il tempio della Passoliera - Tempio dorico di Caulonia - Pazzano - L’Eremo di Monte Stella - Portigliola - Teatro Greco-Romano - Torre di Castellace - Torre dei Corvi - Stilo centro storico - La Cattolica - Castello Normanno - Duomo - Chiesa di San Francesco - La Ferdinandea - Fonderia Ferdinandea - Palio di Ribusa - Antichi riti - Tempo dorico - Chiesa dell'Addolorata - Chiesa della SS. Annunziata - Riace storia - Roccella Jonica storia - Marina di Gioiosa Jonica storia - Il Greco di Bianco


Torna indietro