Tu sei in:  Home Cultura e territorio Samo storia
Italian - ItalyFrench (Fr)Deutsch (DE-CH-AT)GreekEnglish (United Kingdom)
Dettaglio info


Samo storia Dettaglio  
X

Vista:
Periodo storico: 0000
Tipologia: Testo
Parole chiavi: Samo,reggio calabria,storia

Samo, dal racconto storico, sembra, fu fondata da profughi greci della città di Samo, appunto. Le notizie di Samo si perdono nei secoli fino a quando nell’800 d.C. la popolazione fu costretta, assieme a quella di altri centri, ad abbandonare la costa, per sfuggire alle invasioni sarecene, e a cercare rifugio arroccandosi sulle alture.


Samo, dal racconto storico, sembra, fu fondata da profughi greci della città di Samo, appunto. Le notizie di Samo si perdono nei secoli fino a quando nell’800 d.C. la popolazione fu costretta, assieme a quella di altri centri, ad abbandonare la costa, per sfuggire alle invasioni sarecene, e a cercare rifugio arroccandosi sulle alture. Nel 1496 divenne capoluogo di una Baronia tenuta dai Marullo di Condoianni fino al 1554, passata agli Squarciafico, nel 1569 fu ripreso di Marulli. Successivamente, nel 1588, il centro fu acquisito dai Tranfo che lo tennero fino al 1743 quando in fine divenne proprietà dei De Franco che lo conservarono fino all’eversione della feudalità. Nel 1450 la cittadina, in occasione di un nubifragio che la distrusse completamente venne chiamata Crepacuore. Tale nome, legato alla leggenda che riferisce dell’accorata esclamazione dell’unica donna superstite, fu nel 1600 trasformato in Precacore fino a quando non venne nuovamente ripristinato l’antico e originario nome di Samo. Nel 1928 con la denominazione di Samo di Calabria furono accorpati a Samo i vicini centri di S. Agata, Caraffa e Casignana, ma nel 1945 ognuno di essi riprese la propria originaria denominazione. Il paese subì la distruzione di due terribili terremoti, nel 1783 e nel 1908, che costrinsero gli abitanti a riedificare il borgo nel luogo in cui sorge oggi. Il centro abitato attuale è situato sul versante orientale dell’Aspromonte su un ripiano arenaceo, nei pressi del vallone di Santa Caterina, ove ancora si trovano i ruderi del centro originario. Nell’area comunale di Samo vengono ritrovati con una certa frequenza ruderi che testimoniano l’antica grandezza del centro. A Samo nacque, nel VI secolo a.C. il famoso matematico Pitagora al quale è intitolato il castello situato su un monte poco distante dal centro, sul quale lo studioso si ritirava a meditare.



Categoria: Storia e tradizioni   ->  Storia dei luoghi
Situata a: Indririzzo non risolto  0   Samo(rc)    Mappa

Info correlate - Comune di Bianco - Bianco Vecchio e la sua storia - Spiaggia di Capo Bruzzano - Memorial Scacchistico Paolo Musolino - Corribianco - Monastero di San Giovanni Theresti - Convento dei SS. Apostoli - Le cascate del Marmarico - Bagni di Guida - Storia di Gerace - Il centro storico - La cattedrale di Gerace - Il Museo diocesano - castello - Chiesa dell’Annunziatella - Chiesa di San Francesco d’Assisi - Chiesa di San Giovannello - Chiesa di Santa Maria del Mastro - Artigianato di Gerace - Siti archeologici - Il Borgo Incantato - Locri storia - Il Museo Nazionale di Locri - Centocamere - Cinta Muraria di Locri Epizeferi - Necropoli - Santuario di Persefone - Stoà ad u - Tempio di Atena - Tempio di Marasà - Il Santuario di Demetra - Santuario di Grotta caruso o delle Ninfe - Rassegna di Teatro Classico - Ai confini del Sud - Il castello - Storia di Caulonia - L’area archeologica di Caulonia - Complesso archeologico subacqueo - Il tempio della Passoliera - Tempio dorico di Caulonia - Pazzano - L’Eremo di Monte Stella - Portigliola - Tempio Marafioti - Teatro Greco-Romano - Area archeologica di Quote S. Francesco - Torre di Castellace - Torre dei Corvi - Stilo - Stilo centro storico - La Cattolica - Castello Normanno - Duomo - Chiesa di San Francesco - Chiesa di San Giovanni Nuovo - La Ferdinandea - Fonderia Ferdinandea - Palio di Ribusa - Le antiche fontane pubbliche - Monumento ai Cinque Martiri - Castello di Gerace - Museo Diocesano di Gerace - I Cinque Martiri - Personaggi Illustri - Stilo sotto la neve - Località Rungia - Area Castagnara - Torrente La Verde - Località Rungia - Grotte del Brigante - Stemma - Borgo di Precacore - Il mulino - Antico capanno - Chiesa San Sebastiano - Mulino ad acqua - Antico Frantoio - Lavatoio - Chiesa San Giovanni Battista - Santuario - Santuario - Sorgente calamacia - Sorgente della Rocca - Antonimina storia - Ciminà storia - Chiesa S. Nicola di Bari - Chiesa dell'Addolorata - Chiesa dei SS. Pietro e Paolo - Canolo storia - Chiesa Madonna delle Nevi - Chiesa di San Nicola - Chiesa della SS. Annunziata - Santuario di San Giovanni Battista della Rocca - Careri storia - Chiesa di San Nicola di Bari (Matrice) - Chiesetta di Bagni - Chiesa del SS. Salvatore - Chiesa di San Leo - Africo storia - Riace storia - Roccella Jonica storia - Marina di Gioiosa Jonica storia - Chiesa San Nicola di Bari - Antonimina Terme - Miniere di carbon fossile - Villa Romana - Parco Museo di Arte contemporanea Santa Barbara - Tempio di casa Marafioti - Chiesa di Santa Maria del Soccorso - Festa di Maria SS. di Pugliano - Il Greco di Bianco - Monasterace storia - L’area archeologica di Quote S. Francesco - Teatro greco-romano - Teca di Pirettina - Bivongi storia - Le antiche miniere di Pazzano - Gioiosa Ionica storia - Festa Patronale - Martone storia - Bovalino storia - Archeologia a Bovalino - Ferruzzano storia - Caraffa del Bianco storia - San Giovanni di Gerace storia - San Benedetto Ullano storia - Cerzeto storia - Lattarico storia - Regina (frazione di Lattarico) storia e origini - Canna Storia - Rota Greca storia - Lappano storia - Bruzzano Zeffirio Storia - Storia - STORIA E ORIGINI DI ROTA GRECA CS


Torna indietro