Tu sei in:  Home Cultura e territorio Festa di Maria SS. di Pugliano
Italian - ItalyFrench (Fr)Deutsch (DE-CH-AT)GreekEnglish (United Kingdom)
Dettaglio info


Festa di Maria SS. di Pugliano Dettaglio  
X

Vista:
Periodo storico: 0000
Tipologia: Testo
Parole chiavi: Festa ,Maria SS. di Pugliano, Bianco,reggio calabria

Molto antica, a Bianco e nelle sue frazioni, la devozione nei confronti della Madonna di Pugliano. Patrona di Bianco, la Vergine viene festeggiata ogni anno dal 13 al 15 agosto con una processione sul mare e con superbi fuochi d’artificio.


A Bianco la devozione nei confronti della Vergine di Pugliano risale a un periodo molto remoto: pare che immigrati provenienti dalla Puglia, poi stabilitisi nella frazione di Pardesca, avessero portato con sé un quadro mariano di origine siriana, del tempo di Leone Isaurico. Essi avrebbero poi ottenuto il permesso per la fondazione di un’abbazia sul litorale di Bianco, proprio in corrispondenza del sito dell’antico monastero basiliano “S.tae Mariae de Pillano”. In virtù di questa tradizione, in cui storia e leggenda si fondono, ancora oggi la popolazione di Pardesca conserva il diritto di portare il dipinto di Maria SS. di Pugliano in processione, di celebrare la novena nella propria parrocchia e di custodirvi il quadro dalla prima domenica di novembre a quella tra Natale e Capodanno. Stando ancora alla tradizione, il dipinto originario scomparve e fu sostituito da un altro cinquecentesco (di stile bizantino) che, scampato a un incendio, ma sciupato dal tempo, fu poi restaurato da persona non esperta perdendo l’antico valore. Tale dipinto, raffigurante appunto l’immagine della Madonna detta di Pugliano, era collocato nella chiesa arcipretale di Bianco o (secondo altri) in quella basiliana, molto legata alla badia di Polsi, su cui sorse infine il santuario attuale. Il quadro originario, quello cinquecentesco e poi un altro, realizzato nel 1855 da Giuseppe Cavalieri, andarono perduti: la tela che si porta oggi in processione è, infatti, del 1974 (opera dell’artista locale Alberto Bonfà). La festa della Madonna di Pugliano si celebra a Bianco nei giorni dal 13 al 15 agosto; il 14 agosto si svolge la processione solenne cui partecipano, oltre alla folla dei devoti, le autorità ecclesiastiche, civili e militari. La sacra effigie, trasportata sulla tipica bara (in altri luoghi denominata “vara” o “varia”) dal Santuario fino alla spiaggia, viene posta su una barca appositamente allestita e condotta in notturna sul mare, seguita da molte altre barche e illuminata dai fuochi pirotecnici. Ritornato sulla terraferma, il dipinto viene infine accompagnato, alla luce delle fiaccole, dalla moltitudine di fedeli e collocato nel duomo. La celebrazione in onore della Vergine termina nella notte di ferragosto con un superbo spettacolo di fuochi d’artificio.



Categoria: Eventi accaduti  ->  Altri eventi religiosi
Situata a: C.da Pardesca  0   Bianco(rc)    Mappa

Info correlate - Festa della Madonna del S.S. Soccorso - Festa in Onore di San Benedetto - Comune di Bianco - Bianco Vecchio e la sua storia - Spiaggia di Capo Bruzzano - Memorial Scacchistico Paolo Musolino - Corribianco - Monastero di San Giovanni Theresti - Convento dei SS. Apostoli - Le cascate del Marmarico - Bagni di Guida - Storia di Gerace - Il centro storico - La cattedrale di Gerace - Il Museo diocesano - castello - Chiesa dell’Annunziatella - Chiesa di San Francesco d’Assisi - Chiesa di San Giovannello - Chiesa di Santa Maria del Mastro - Artigianato di Gerace - Siti archeologici - Il Borgo Incantato - Locri storia - Il Museo Nazionale di Locri - Centocamere - Cinta Muraria di Locri Epizeferi - Necropoli - Santuario di Persefone - Stoà ad u - Tempio di Atena - Tempio di Marasà - Il Santuario di Demetra - Santuario di Grotta caruso o delle Ninfe - Rassegna di Teatro Classico - Ai confini del Sud - Il castello - Storia di Caulonia - L’area archeologica di Caulonia - Complesso archeologico subacqueo - Il tempio della Passoliera - Tempio dorico di Caulonia - Pazzano - L’Eremo di Monte Stella - Portigliola - Tempio Marafioti - Teatro Greco-Romano - Area archeologica di Quote S. Francesco - Torre di Castellace - Torre dei Corvi - Stilo - Stilo centro storico - La Cattolica - Castello Normanno - Duomo - Chiesa di San Francesco - Chiesa di San Giovanni Nuovo - La Ferdinandea - Fonderia Ferdinandea - Palio di Ribusa - Le antiche fontane pubbliche - Monumento ai Cinque Martiri - Castello di Gerace - Museo Diocesano di Gerace - I Cinque Martiri - Personaggi Illustri - Stilo sotto la neve - Santuario - Antonimina storia - Ciminà storia - Chiesa S. Nicola di Bari - Chiesa dell'Addolorata - Chiesa dei SS. Pietro e Paolo - Canolo storia - Chiesa Madonna delle Nevi - Chiesa di San Nicola - Samo storia - Chiesa della SS. Annunziata - Santuario di San Giovanni Battista della Rocca - Careri storia - Chiesa di San Nicola di Bari (Matrice) - Chiesetta di Bagni - Chiesa del SS. Salvatore - Chiesa di San Leo - Africo storia - Riace storia - Roccella Jonica storia - Marina di Gioiosa Jonica storia - Chiesa San Nicola di Bari - Antonimina Terme - Miniere di carbon fossile - Villa Romana - Parco Museo di Arte contemporanea Santa Barbara - Tempio di casa Marafioti - Chiesa di Santa Maria del Soccorso - Il Greco di Bianco - Monasterace storia - L’area archeologica di Quote S. Francesco - Teatro greco-romano - Teca di Pirettina - Bivongi storia - Le antiche miniere di Pazzano - Gioiosa Ionica storia - Festa Patronale - Festa di San Giorgio - Ballo votivo, la Tarantella - Martone storia - Bovalino storia - Ferruzzano storia - Caraffa del Bianco storia - Chiesa S. Maria degli Angeli (Matrice) - Santuario Madonna delle Grazie - Chiesa San Giuseppe - Palazzo Verduci - Palazzo Barletta - Palazzo Pedace - Rocco Verduci - Don Massimo Alvaro - San Giovanni di Gerace storia - Festa dell' organetto - Festa di San Francesco di Paola - "L’abaculu" per la festa di San Biagio a Serra San Bruno. - STORIE DI RINASCITE E SPERANZE: LA FESTA DELLA CANDELORA - LA FESTA DI SAN NICOLA A SPADOLA


Torna indietro