Tu sei in:  Home Cultura e territorio San Benedetto Ullano storia
Italian - ItalyFrench (Fr)Deutsch (DE-CH-AT)GreekEnglish (United Kingdom)
Dettaglio info


San Benedetto Ullano storia Dettaglio  
X

Vista:
Periodo storico: 0000
Tipologia: Testo
Parole chiavi: san benedetto ullano,cosenza,storia

Situato ai piedi del colle Sant'Elia, San Benedetto Ullano ha origini molto antiche e le prime notizie storiche certe risalgono agli ultimi decenni del XII secolo.


Situato ai piedi del colle Sant'Elia, San Benedetto Ullano ha origini molto antiche e le prime notizie storiche certe risalgono agli ultimi decenni del XII sec., quando fu feudo dei duchi normanni di Montalto, che in quegli anni vi fondarono un monastero benedettino, da cui il piccolo borgo prese il nome. L'antico borgo medioevale ebbe un decisivo impulso demografico ed economico, con conseguente sviluppo urbanistico, nella seconda metà del XV secolo, quando fu ripopolato da profughi albanesi. Nel 1580 sorse la frazione di Marri, quando alcuni albanesi di San Benedetto vollero distaccarsi per il forte aumento di popolazione. Nel 1723 Papa Clemente XII, per intercessione di Felice Samuele Rodotà, fondò il "Collegio Italo-Albanese Corsini" vera e propria struttura universitaria per la formazione del clero italo-albanese. Il Collegio assunse in seguito, fama di uno dei migliori del reame delle Due Sicilie, da richiamare l'attenzione di Ferdinando IV, Gioacchino Murat e Giuseppe Garibaldi. Quando Ferdinando di Borbone si alleò con gli inglesi contro i francesi di Napoleone per difendere il confine calabro - lucano si affidò a uomini come il notaio Vincenzo Tavolaro di San Benedetto Ullano per il reclutamento degli uomini. Il paese fu protagonista durante le lotte del risorgimento italiano; molti suoi abitanti presero parte attiva ai moti di Cosenza del 1844 e 1848 pagando con la vita i loro ideali di giustizia e di libertà anche attraverso la partecipazione eroica alla liberazione garibaldina dell'Italia Meridionale. Agesilao Milano con gesto disperato e romantico, attentò nel 1856 alla vita del re borbonico Ferdinando II, finendo sul patibolo a Napoli alla fine dello stesso anno. Nel 1937 divenne Comune autonomo. Maestosi sono i portali settecenteschi del centro storico con stemmi e numerosi archi e archetti che caratterizzano le viuzze. Importante è la cappella della famiglia dei Rodotà dei Coronei, dedicata alla Madonna del Buon Consiglio dei primi anni del 1770. Importante la chiesa di San Rocco, di costruzione Settecentesca con bellissimo portale e finestrone in tufo lavorato, ora dissacrata e cadente. Interessante è la Chiesa di San Salvatore in località Piano dei Rossi, di recente costruzione, realizzata nei caratteri tipici di recupero delle forme stilistiche bizantine. Suggestivi gli aspetti paesaggistico-naturalistici immerso nei boschi di faggio, castagni, querce sia per la presenza della rara specie di tritone alpestre nello specchio d'acqua denominato il "Laghicello" nell'omonima località posta a quota 1000 m. Questo piccolo centro agricolo è riuscito a conservare sino al dopoguerra una varia e complessa tradizione popolare attraverso una serie di manifestazioni e consuetudini che per secoli hanno costituito la cultura albanese. Il complesso sistema di credenze, di riti di abitudini ancora oggi riesce ad essere presente e facilmente riscontrabile da parte di chi è estraneo a questa cultura. Sono ben conservati, a San Benedetto, e ancora in uso, i suggestivi costumi femminili, ricchi di ori e colori, i canti tradizionali sacri e profani, le semplici ma gustose ricette gastronomiche. E', inoltre, presente un gruppo folkloristico che contribuisce fortemente alla ricerca dell'antica cultura albanese ed a proporla. Il Santo Patrono è San Benedetto che viene festeggiato il 14 marzo. La parlata Arbereshe di San Benedetto Ullano è una forma dialettale derivante dal tosco antico che era parlato nell’Albania meridionale, cioè degli albanesi emigrati in Italia. Essa continua a mantenere immutate la morfologia, la sintassi e la fonologia mentre il lessico ha subito e subisce l’influenza dell’italiano e del dialetto calabrese parlato nei paesi limitrofi.



Categoria: Storia e tradizioni   ->  Storia dei luoghi
Situata a: Via Prato Calvario  87040   San Benedetto Ullano(CS)    Mappa

Info correlate - Bianco Vecchio e la sua storia - Storia di Caulonia - Pazzano - Stilo - Antonimina storia - Ciminà storia - Canolo storia - Samo storia - Careri storia - Africo storia - Riace storia - Roccella Jonica storia - Marina di Gioiosa Jonica storia - Monasterace storia - Bivongi storia - Gioiosa Ionica storia - Martone storia - Bovalino storia - Archeologia a Bovalino - Ferruzzano storia - Caraffa del Bianco storia - San Giovanni di Gerace storia - Chiesa di San Giovanni Battista - Chiesa di San Rocco - Chiesa di San Giuseppe (Parrocchiale) - Chiesa del SS. Salvatore - Chiesa Madonna del Buon Consiglio - Palazzo Agesilao Milano - Palazzo Conforti - Tradizioni - Cerzeto storia - Lattarico storia - Palazzo dei “Marsico” - Regina (frazione di Lattarico) storia e origini - Canna Storia - Rota Greca storia - Il Crocefisso - Chiesa di San Giuseppe - Mulino - Chiesa del SS. Salvatore - Mulino di Prato Calvario - Il Gonfalone - Lappano storia - Bruzzano Zeffirio Storia - Storia - STORIA E ORIGINI DI ROTA GRECA CS


Torna indietro