Tu sei in:  Home Cultura e territorio Locri storia
Italian - ItalyFrench (Fr)Deutsch (DE-CH-AT)GreekEnglish (United Kingdom)
Dettaglio info


Locri storia Dettaglio  
X

Vista:
Periodo storico: 0000
Tipologia: Testo
Parole chiavi: LOCRI,COMUNE DI LOCRI,REGGIO CALABRIA

Fulcro amministrativo, culturale e religioso del territorio della Locride, che da essa prende il nome, Locri sorge lungo la Riviera dei Gelsomini, sulla costa ionica nella provincia di Reggio Calabria.


Fulcro amministrativo, culturale e religioso del territorio della Locride, che da essa prende nome, Locri sorge lungo la Riviera dei Gelsomini, sulla costa jonica nella provincia di Reggio Calabria. Di fondazione recente e antichissima allo stesso tempo, la città ha una storia particolare, legata indissolubilmente a quella di altri due centri: l’antica, e omonima, colonia magno-greca, cui si accompagnava sempre l’appellativo di Epizefiri, e Gerace, fondata nell’entroterra proprio da cittadini locresi, forse tra la fine del VII e gli inizi l’VIII secolo d.C., in un luogo naturalmente fortificato e ben difendibile. Il nome Epizefiri si riferiva all’originaria collocazione dell’insediamento che, fondato da Greci provenienti dalla Locride Opunzia o dalla Locride Ozolia, probabilmente tra la fine dell'VIII e i primi anni del VII secolo a.C., secondo la cronologia riferita da Strabone, era situato nella baia di Capo Zefirio, antica denominazione del promontorio chiamato oggi Capo Bruzzano. Successivamente l’abitato fu spostato più a nord di una ventina di chilometri, tra la costa e le alture dell’immediato entroterra. Culla, intorno alla metà del VII secolo a.C., del più antico corpus di leggi scritte del mondo occidentale, opera del legislatore Zaleuco, la città divenne presto uno dei centri più importanti dell’occidente greco, tanto da fondare ben due sub-colonie sul Tirreno, Hipponion (Vibo Valentia) e Medma (Rosarno). Dopo la vittoriosa battaglia della Sagra, che la vide alleata di Reggio contro Crotone, Locri, proprio per difendersi dalle mire espansionistiche di Reggio, si alleò con Siracusa e tale alleanza ne accompagnò e determinò, tra alterne vicende, il progressivo e irreversibile declino. Nel 205 a.C. la città fu conquistata dai Romani e dopo una decadenza durata per secoli fu infine abbandonata dagli abitanti che fondarono, nell’entroterra, un nuovo insediamento che diede origine a Gerace. Quest’ultima, divenuta centro di grande rilievo già dal periodo bizantino, si sviluppò dalla metà del XIX secolo anche sul litorale, dando origine a una nuova frazione che divenne autonoma nel 1905 e che nel 1934 cambiò la propria denominazione da Gerace Marina in Locri, chiudendo il cerchio di una vicenda dipanatasi per secoli. La posizione sul mare, con ampie spiagge che si distendono per chilometri, le vestigia archeologiche, condivise in parte col comune di Portigliola, la ricca rassegna di eventi nel corso della stagione estiva, fanno oggi di Locri uno dei centri di maggiore attrattiva turistica della provincia di Reggio Calabria.



Categoria: Storia e tradizioni   ->  Storia dei luoghi
Situata a: Via Giacomo Matteotti  89044   Locri(RC)    Mappa

Info correlate - Comune di Bianco - Bianco Vecchio e la sua storia - Spiaggia di Capo Bruzzano - Memorial Scacchistico Paolo Musolino - Corribianco - Monastero di San Giovanni Theresti - Convento dei SS. Apostoli - Le cascate del Marmarico - Bagni di Guida - Storia di Gerace - Il centro storico - La cattedrale di Gerace - Il Museo diocesano - castello - Chiesa dell’Annunziatella - Chiesa di San Francesco d’Assisi - Chiesa di San Giovannello - Chiesa di Santa Maria del Mastro - Artigianato di Gerace - Siti archeologici - Il Borgo Incantato - Il Museo Nazionale di Locri - Centocamere - Cinta Muraria di Locri Epizeferi - Necropoli - Santuario di Persefone - Stoà ad u - Tempio di Atena - Tempio di Marasà - Il Santuario di Demetra - Santuario di Grotta caruso o delle Ninfe - Rassegna di Teatro Classico - Ai confini del Sud - Il castello - Storia di Caulonia - L’area archeologica di Caulonia - Complesso archeologico subacqueo - Il tempio della Passoliera - Tempio dorico di Caulonia - Pazzano - L’Eremo di Monte Stella - Portigliola - Tempio Marafioti - Teatro Greco-Romano - Area archeologica di Quote S. Francesco - Torre di Castellace - Torre dei Corvi - Stilo - Stilo centro storico - La Cattolica - Castello Normanno - Duomo - Chiesa di San Francesco - Chiesa di San Giovanni Nuovo - La Ferdinandea - Fonderia Ferdinandea - Palio di Ribusa - Le antiche fontane pubbliche - Monumento ai Cinque Martiri - Castello di Gerace - Museo Diocesano di Gerace - I Cinque Martiri - Personaggi Illustri - Stilo sotto la neve - Santuario - Antonimina storia - Ciminà storia - Chiesa S. Nicola di Bari - Chiesa dell'Addolorata - Chiesa dei SS. Pietro e Paolo - Canolo storia - Chiesa Madonna delle Nevi - Chiesa di San Nicola - Samo storia - Chiesa della SS. Annunziata - Santuario di San Giovanni Battista della Rocca - Careri storia - Chiesa di San Nicola di Bari (Matrice) - Chiesetta di Bagni - Chiesa del SS. Salvatore - Chiesa di San Leo - Africo storia - Riace storia - Roccella Jonica storia - Marina di Gioiosa Jonica storia - Chiesa San Nicola di Bari - Antonimina Terme - Miniere di carbon fossile - Villa Romana - Parco Museo di Arte contemporanea Santa Barbara - Tempio di casa Marafioti - Chiesa di Santa Maria del Soccorso - Festa di Maria SS. di Pugliano - Il Greco di Bianco - Monasterace storia - L’area archeologica di Quote S. Francesco - Teatro greco-romano - Teca di Pirettina - Bivongi storia - Le antiche miniere di Pazzano - Gioiosa Ionica storia - Festa Patronale - Martone storia - Bovalino storia - Ferruzzano storia - Caraffa del Bianco storia - San Giovanni di Gerace storia


Torna indietro