Tu sei in:  Home Cultura e territorio Cinta Muraria di Locri Epizeferi
Italian - ItalyFrench (Fr)Deutsch (DE-CH-AT)GreekEnglish (United Kingdom)
Dettaglio info


Cinta Muraria di Locri Epizeferi Dettaglio  
X

Vista:
Periodo storico: 0000
Tipologia: Testo
Parole chiavi: Cinta Muraria.LOCRI,REGGIO CALABRIA

La cinta muraria di Locri Epizefiri, che si estende per circa 7,5 Km., conobbe diverse fasi costruttive. Nata con la sola funzione di delimitare l’area urbana, a partire dal III secolo a.C. fu poi rafforzata per le aumentate esigenze difensive


Al momento della fondazione di Locri Epizefiri, i coloni certamente stabilirono un perimetro di separazione tra lo spazio urbano e l’area destinata alle sepolture; poi, fin dalla metà del VI sec. a.C., tale “recinto” fu monumentalizzato con l’erezione delle mura di cinta che, all’inizio, avevano esclusivamente la funzione di delimitare l’area urbana. Fu solo a partire dai primi decenni del III sec. a.C. che si resero necessari lavori di rafforzamento della cinta muraria, dovuti ad aumentate esigenze difensive: si incrementò lo spessore della cortina, taluni tratti furono rettificati e si eressero torri per far fronte ad eventuali assedi. Tutta la cinta era lunga più di sette chilometri e delimitava un abitato di circa 230 ettari. Quanto oggi rimane in vista delle mura risale agli inizi del III a.C., ma ulteriori indagini hanno consentito di individuare i tratti dell’impianto risalente alla metà del VI secolo a.C. Le mura erano costituite da grossi blocchi squadrati di arenaria disposti su più file, con un rinforzo esterno realizzato con blocchi di calcare in grado di offrire, grazie alla maggiore compattezza, una superiore resistenza.Notevoli, nel percorso murario  i resti di alcune torri, come Torre di Parapezza, a pianta circolare (nelle vicinanze del Tempio Jonico di Marasà), La Torre di Quote - S.Francesco (al nodo d'incrocio del "Sentierazzo" con il "Dromo" consolare), Torre di Castellace (il "castelletto" per antonomasia). Degne di nota anche, Torre di Paleopoli in località "Tribona" che separava la "città bassa" dal porto (crollata col sisma del 23 ottobre 1907), databile per alcuni ad età medievale, per altri alla metà del'500. Di grande interesse il dettagliato riferimento, riportato nelle tabelle bronzee pertinenti all’archivio del Santuario di Zeus Olimpio, alla concessione di prestiti alla città da parte dello stesso santuario per il potenziamento della cortina muraria.



Categoria: Archeologia  ->  Scavi archeologici
Situata a:   89044   Locri(RC)    Mappa

Info correlate - Comune di Bianco - Bianco Vecchio e la sua storia - Spiaggia di Capo Bruzzano - Memorial Scacchistico Paolo Musolino - Corribianco - Monastero di San Giovanni Theresti - Convento dei SS. Apostoli - Le cascate del Marmarico - Bagni di Guida - Storia di Gerace - Il centro storico - La cattedrale di Gerace - Il Museo diocesano - castello - Chiesa dell’Annunziatella - Chiesa di San Francesco d’Assisi - Chiesa di San Giovannello - Chiesa di Santa Maria del Mastro - Artigianato di Gerace - Siti archeologici - Il Borgo Incantato - Locri storia - Il Museo Nazionale di Locri - Centocamere - Necropoli - Santuario di Persefone - Stoà ad u - Tempio di Atena - Tempio di Marasà - Il Santuario di Demetra - Santuario di Grotta caruso o delle Ninfe - Rassegna di Teatro Classico - Ai confini del Sud - Il castello - Storia di Caulonia - L’area archeologica di Caulonia - Complesso archeologico subacqueo - Il tempio della Passoliera - Tempio dorico di Caulonia - Pazzano - L’Eremo di Monte Stella - Portigliola - Tempio Marafioti - Teatro Greco-Romano - Area archeologica di Quote S. Francesco - Torre di Castellace - Torre dei Corvi - Stilo - Stilo centro storico - La Cattolica - Castello Normanno - Duomo - Chiesa di San Francesco - Chiesa di San Giovanni Nuovo - La Ferdinandea - Fonderia Ferdinandea - Palio di Ribusa - Le antiche fontane pubbliche - Monumento ai Cinque Martiri - Castello di Gerace - Museo Diocesano di Gerace - I Cinque Martiri - Personaggi Illustri - Stilo sotto la neve - Santuario - Antonimina storia - Ciminà storia - Chiesa S. Nicola di Bari - Chiesa dell'Addolorata - Chiesa dei SS. Pietro e Paolo - Canolo storia - Chiesa Madonna delle Nevi - Chiesa di San Nicola - Samo storia - Chiesa della SS. Annunziata - Santuario di San Giovanni Battista della Rocca - Careri storia - Chiesa di San Nicola di Bari (Matrice) - Chiesetta di Bagni - Chiesa del SS. Salvatore - Chiesa di San Leo - Africo storia - Riace storia - Roccella Jonica storia - Marina di Gioiosa Jonica storia - Chiesa San Nicola di Bari - Antonimina Terme - Miniere di carbon fossile - Villa Romana - Parco Museo di Arte contemporanea Santa Barbara - Tempio di casa Marafioti - Chiesa di Santa Maria del Soccorso - Festa di Maria SS. di Pugliano - Il Greco di Bianco - Monasterace storia - L’area archeologica di Quote S. Francesco - Teatro greco-romano - Teca di Pirettina - Bivongi storia - Le antiche miniere di Pazzano - Gioiosa Ionica storia - Festa Patronale - Martone storia - Bovalino storia - Ferruzzano storia - Caraffa del Bianco storia - San Giovanni di Gerace storia


Torna indietro