Tu sei in:  Home Cultura e territorio Santuario di Grotta caruso o delle Ninfe
Italian - ItalyFrench (Fr)Deutsch (DE-CH-AT)GreekEnglish (United Kingdom)
Dettaglio info


Santuario di Grotta caruso o delle Ninfe Dettaglio  
X

Vista:
Periodo storico: 0000
Tipologia: Testo
Parole chiavi: Santuario delle Ninfe di Grotta Caruso, locri,reggio calabria

Il Santuario di Grotta Caruso conosciuto anche come Grotta delle Ninfe si trova in una grotta situata al di fuori dalle mura di Locri. Già attivo nel VI secolo a.C., il Santuario era uno esempio di come gli antichi vedessero nelle risorse naturali vitali per la sopravvivenza della comunità (in questo caso una sorgente) un segno divino da onorare e venerare divinità.


Immediatamente fuori dalla cortina muraria di Locri Epizefiri, ai piedi di un erto pendio antistante il vallone Caruso-Polisà, nel 1940 l’archeologo Paolo Arias scoprì una grotta (oggi in contrada Caruso) la cui volta crollò quasi subito dopo l’esplorazione. Gli scavi misero in evidenza che si trattava di un santuario; grazie alla presenza di acqua sorgiva, l’antro divenne infatti, fin dal VI secolo a.C., sede di un culto delle Ninfe e forse di altre divinità legate alla natura e pertinenti alla cerchia di Dioniso e a quella di Afrodite. Fiorita come sede di culto nella seconda metà del IV secolo a.C., la grotta venne monumentalizzata in età ellenistica creando un bacino per la raccolta idrica con pareti a gradoni, cui si accedeva tramite una scala ricavata nella roccia. Le acque erano canalizzate in lunghi tubi di terracotta. All’interno della vasca un blocco calcareo sosteneva un simulacro, mentre un piccolo altare quadrangolare era, probabilmente, collocato su alcune pietre squadrate sommariamente. Numerosissime gli oggetti votivi rinvenuti in loco, tra cui terrecotte raffiguranti teste e busti femminili, statuette di Pan e, soprattutto, ninfei, cioè riproduzioni di santuari dedicati alle ninfe; tali riproduzioni, di grande interesse, vanno dagli schemi più semplici, con modelli di grotte naturali decorate con stalattiti e piante palustri fino a quelli più complessi, in cui le grotte sono invece arricchite da elementi monumentali. I reperti rinvenuti a Grotta Caruso sono oggi custoditi nel Museo Nazionale Archeologico di Reggio Calabria e nel Museo Nazionale di Locri.



Categoria: Archeologia  ->  Scavi archeologici
Situata a: contrada caruso  89044   Locri(RC)    Mappa

Info correlate - Comune di Bianco - Bianco Vecchio e la sua storia - Spiaggia di Capo Bruzzano - Memorial Scacchistico Paolo Musolino - Corribianco - Monastero di San Giovanni Theresti - Convento dei SS. Apostoli - Le cascate del Marmarico - Bagni di Guida - Storia di Gerace - Il centro storico - La cattedrale di Gerace - Il Museo diocesano - castello - Chiesa dell’Annunziatella - Chiesa di San Francesco d’Assisi - Chiesa di San Giovannello - Chiesa di Santa Maria del Mastro - Artigianato di Gerace - Siti archeologici - Il Borgo Incantato - Locri storia - Il Museo Nazionale di Locri - Centocamere - Cinta Muraria di Locri Epizeferi - Necropoli - Santuario di Persefone - Stoà ad u - Tempio di Atena - Tempio di Marasà - Il Santuario di Demetra - Rassegna di Teatro Classico - Ai confini del Sud - Il castello - Storia di Caulonia - L’area archeologica di Caulonia - Complesso archeologico subacqueo - Il tempio della Passoliera - Tempio dorico di Caulonia - Pazzano - L’Eremo di Monte Stella - Portigliola - Tempio Marafioti - Teatro Greco-Romano - Area archeologica di Quote S. Francesco - Torre di Castellace - Torre dei Corvi - Stilo - Stilo centro storico - La Cattolica - Castello Normanno - Duomo - Chiesa di San Francesco - Chiesa di San Giovanni Nuovo - La Ferdinandea - Fonderia Ferdinandea - Palio di Ribusa - Le antiche fontane pubbliche - Monumento ai Cinque Martiri - Castello di Gerace - Museo Diocesano di Gerace - I Cinque Martiri - Personaggi Illustri - Stilo sotto la neve - Santuario - Antonimina storia - Ciminà storia - Chiesa S. Nicola di Bari - Chiesa dell'Addolorata - Chiesa dei SS. Pietro e Paolo - Canolo storia - Chiesa Madonna delle Nevi - Chiesa di San Nicola - Samo storia - Chiesa della SS. Annunziata - Santuario di San Giovanni Battista della Rocca - Careri storia - Chiesa di San Nicola di Bari (Matrice) - Chiesetta di Bagni - Chiesa del SS. Salvatore - Chiesa di San Leo - Africo storia - Riace storia - Roccella Jonica storia - Marina di Gioiosa Jonica storia - Chiesa San Nicola di Bari - Antonimina Terme - Miniere di carbon fossile - Villa Romana - Parco Museo di Arte contemporanea Santa Barbara - Tempio di casa Marafioti - Chiesa di Santa Maria del Soccorso - Festa di Maria SS. di Pugliano - Il Greco di Bianco - Monasterace storia - L’area archeologica di Quote S. Francesco - Teatro greco-romano - Teca di Pirettina - Bivongi storia - Le antiche miniere di Pazzano - Gioiosa Ionica storia - Festa Patronale - Martone storia - Bovalino storia - Ferruzzano storia - Caraffa del Bianco storia - San Giovanni di Gerace storia


Torna indietro